Banco BPM: utile semestrale da 353 milioni

Ecco i risultati per l'esercizio di Banco BPM aggiornati al 30 giugno 2018

Banco BPM nuovo logo

Banco BPM: il bilancio al 30 giugno 2018

Utile netto: 353 milioni di euro (94 milioni al 30 giugno 2017)

Proventi operativi: 2.447 milioni (2.306 milioni al 30 giugno 2017, +6,1%)

Oneri operativi: 1.391 milioni (1.454 milioni al 30 giugno 2017 con un decremento del 4,4%)
Impieghi a clientela: 106,7 miliardi (bonis + 2,7%, deteriorati – 27,1% rispetto a dicembre 2017)

Raccolta diretta da clientela: 107,7 miliardi (rispetto a 107,3 miliardi a dicembre 2017)

Piano di derisking:
- cessione di crediti deteriorati per un importo di circa 5 miliardi lordi (progetto exodus), che porta il totale delle cessioni pari al 73% dell’obiettivo di 13 miliardi
- work out e riduzione stock (circa 1 miliardo di riduzione netta dei crediti deteriorati nel primo semestre 2018)

Crediti deteriorati netti: in calo di 3,5 miliardi rispetto a fine anno
Coperture dei crediti deteriorati lordi: dal 48,8% del 31 dicembre 2017 al 51,2%

Sofferenze nette: 3,6 miliardi (- 2,9 miliardi rispetto a fine 2017)
Copertura delle sofferenze: dal 58,9% al 66,2%

CET 1 Ratio “ifrs 9 phased in”: 12,9%

Il bilancio al primo trimestre 2018 di Banco BPM

Utile netto: 223 milioni di euro (115 milioni al 31 marzo 2017)

Crediti deteriorati netti: in calo di 1,7 miliardi rispetto a fine anno
Incidenza sul totale degli impieghi: in calo dal 12,1% (fine 2017) al 10,7%

Coperture dei crediti deteriorati lordi: dal 48,8% del 31 dicembre 2017 al 53,8%

Sofferenze nette: 5,2 miliardi (- 1,3 miliardi rispetto a fine anno)
Incidenza sul totale degli impieghi: scende al 4,9% (6,0% a fine 2017)

Copertura delle sofferenze: dal 58,9% al 66,4% (cessione di circa 5 miliardi di sofferenze entro giugno 2018)

CET 1 Ratio “IFRS9 phased in”: 13,48%
“IRS9 fully phased” proforma: 12,10%

Impieghi a clientela: 106,2 miliardi (bonis + 0,1%, deteriorati – 12,8% rispetto a dicembre 2017)

Raccolta diretta da clientela: 107,9 miliardi (rispetto a 107,3 miliardi a dicembre 2017)

Attività stanziabili libere: oltre 243 miliardi

Il bilancio 2017 di Banco BPM

Utile netto: 2.616 milioni, che, al netto del badwill pari a 3.076 milioni e degli impairment degli avviamenti per 1.018 milioni, ammonta a 558 milioni di euro

Raccolta diretta: 107,3 miliardi di euro (110 miliardi a fine dicembre 2016)
Raccolta indiretta: 99,3 miliardi (97,2 miliardi al 31 dicembre 2016):
- risparmio gestito: 62,5 miliardi
- risparmio amministrato: 36,8 miliardi

Rettifiche nette su crediti: 1.661 milioni (2.958 milioni nel 2016)
Commissioni nette: 2.093 milioni
Oneri operativi: 3.050 milioni
Risultato della gestione operativa: 1.579 milioni

CET 1 ratio phased: 12,36%
CET 1 ratio fully loaded: 11,92%
CET 1 ratio fully loaded pro-forma: 12,02%

Stock crediti deteriorati netti: 13 miliardi (-3,2 miliardi rispetto a dicembre 2016)

Il bilancio 2016 di Banco BPM

Raccolta diretta: 116,8 miliardi
Raccolta indiretta: 101,8 miliardi
• Risparmio gestito: 58,6 miliardi
• Risparmio amministrato: 43, 2 miliardi

Rettifiche nette su crediti: 2,95 miliardi di euro
Utile netto: -1,6 miliardi di euro (-939 milioni al netto delle componenti non ricorrenti). L’ex Gruppo Banco Popolare ha chiuso il 2016 con un utile netto di -1,68 miliardi, Banca Popolare di Milano con un utile netto di 72,7 milioni (rispettivamente -1,13 miliardi e +195,2 milioni al netto delle componenti non ricorrenti)

Costo del credito: 267 bps

CET 1 ratio Phase-in: 12,30%
CET 1 ratio Fully Loaded: 11,42%

Nel 2016 sono uscite 400 risorse e sono state chiuse 122 filiali: altre 48 chiusure sono previste entro aprile 2017.

Le ultime notizie su: Banco BPM, Bilanci 2018

La Nostra Newsletter

Ogni giovedì, nella tua casella di posta elettronica, riceverai le ultime notizie dal mondo bancario e ICT.

Seguici

twitter
linkedin
youtube
RSS
Bannerone Ab
Blog Banca
Credito Imprese
Women Bank

Questo sito utilizza cookies per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione agli utenti, secondo la Cookies Policy.
Cliccando "Acconsenti" l'utente accetta detto utilizzo.