Conio cresce e rafforza la rete di partner

La FinTech specializzata in blockchain e criprovalute chiude un nuovo round di serie A2 di aumento di capitale da 3 milioni di dollari e si prepara a nuove collaborazioni nel Finance.

Conio verso l’open banking

Forte della recente valutazione superiore ai 40 milioni di dollari, Conio può ora accelerare nell’ambito dei servizi offerti a banche, compagnie assicurative, imprese e istituzioni pubbliche o private. Fondata a San Francisco nel 2015, la FinTech permette infatti alle realtà del Finance di integrare wallet digitali per le criptovalute e soluzioni basate sulla blockchain nelle proprie applicazioni, il tutto in modalità white label.

I partner di Conio

Come dichiara Vincenzo Di Nicola, Co-Fondatore, CEO e Responsabile delle tecnologie di Conio, la società è a caccia di nuovi partner in tutti i settori pronti a sperimentare le valute digitali: ad esempio l’e-commerce, le Telco, l’automotive, etc. Conio del resto conta già sul sostegno di realtà come Fabrick, Poste Italiane, Banca Finanziaria Internazionale, Boost Heroes, il network Italian Angels for Growth, David Capital, oltre che su diversi investitori professionali.

«Le risorse raccolte da Conio – aggiunge Christian Miccoli, Co-Fondatore, CEO e Responsabile del business di Conio – consentiranno un ulteriore sviluppo della nostra offerta di servizi a supporto dei nostri clienti retail e corporate per la gestione dei protocolli blockchain e dei wallet bancari per la gestione degli asset digitali. Le banche, le assicurazioni, le imprese e le istituzioni possono ritrovare oggi in Conio un partner ancora più forte per supportare le loro strategie di crescita sui nuovi mercati digital».

La Nostra Newsletter

Ogni giovedì, nella tua casella di posta elettronica, riceverai le ultime notizie dal mondo bancario e ICT.

Seguici

twitter
linkedin
youtube
RSS
Bannerone Ab

Questo sito utilizza cookies per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione agli utenti, secondo la Cookies Policy.
Cliccando "Acconsenti" l'utente accetta detto utilizzo.