Mezzo milione di euro per l’AI targata Userbot

Oltre il chatbot, verso un’AI sempre più “umana”. È questa l’idea che ha portato la startup Userbot a oltre 500mila euro raccolti nei primi 6 mesi del 2018. Somma che ha permesso di creare un’assistente virtuale tutta centrata sul machine learning.Userbot.png

Se il chatbot “impara” dall’utente

La tecnologia brevettata punta a trasformare il customer care a cui siamo abituati. Non parliamo infatti di un semplice chatbot che fornisce risposte predefinite a un set di possibili domande, ma di una intelligenza artificiale capace di “imparare” dalle interazioni umane che avvengono in chat, di individuare le emozioni del cliente e di dialogare con lui sulla base di tutti questi dati. L’idea è dare vita a un sistema che si possa poi integrare in qualsiasi chat: dentro un sito web, su app Android o iOS, in associazione con social network come Facebook o applicazioni di messaggistica come Messenger e Telegram.

Doppio finanziamento da 500mila euro

Deep Learning e Machine Learning sono le parole chiave. E sono ciò che ha permesso a Userbot, fondata da giovani under 35 esperti di IT, di entrare a far parte di PoliHub, l’incubatore del Politecnico di Milano. Ma anche di ricevere 300mila euro da vari business angels grazie alla collaborazione con il network BackWork24 e altri 200mila con la campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe. È così che Userbot inoltre è riuscita ad aggiudicarsi una valorizzazione premoney di 3 milioni di euro.

La Nostra Newsletter

Ogni giovedì, nella tua casella di posta elettronica, riceverai le ultime notizie dal mondo bancario e ICT.

Seguici

twitter
linkedin
youtube
RSS
Bannerone Ab

Questo sito utilizza cookies per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione agli utenti, secondo la Cookies Policy.
Cliccando "Acconsenti" l'utente accetta detto utilizzo.